000519395689100

Il ritorno dell'ufficio chiuso? Il punto di vista di Adrien Pouillot, Planner Strategico presso Factory.


Opinioni

6 novembre 2023

team travail zenchef

In un mondo in costante evoluzione, il dibattito sulla configurazione degli spazi di lavoro non è mai stato così acceso.

Santarelli - Espace de travail
Santarelli - Vue partielle

L'organizzazione dei nostri uffici, che siano aperti o chiusi, vicini o lontani dai dipendenti o dai dirigenti, è stata oggetto di discussioni appassionate sia all'interno delle aziende sia nei media mainstream.

Negli ultimi anni, figure di spicco come Mark Zuckerberg, Michael Bloomberg e Reed Hastings hanno abbandonato gli uffici privati a favore di uno spazio di lavoro aperto, sedendo tra i propri dipendenti. Al contrario, a seguito del ritorno nei uffici post-COVID nel 2021, il 63% dei dipendenti francesi desiderava un ufficio individuale chiuso.

Il titolo de Les Echos nel 2023 recitava addirittura 'La fine dell'ufficio chiuso per i manager, buona o cattiva notizia?'

Il Panorama Evolutivo degli Spazi di Lavoro

Mentre le aziende riducono la loro impronta immobiliare e ripensano la disposizione dei loro uffici per adattarsi al futuro del lavoro, sempre più incentrato sulla collaborazione e sul telelavoro, stanno eliminando anche gli uffici privati, sia per i dipendenti che per i dirigenti.

Ciò non significa però che tutti i manager desiderino lavorare nello stesso ufficio dei dipendenti. Secondo Franck Pétel, ricercatore presso l'Essec, "Molte aziende sono ancora legate agli uffici separati per i loro manager".

Questa tensione solleva molte domande, sia per le aziende che per il mondo del lavoro in generale:

  • Cosa vogliono veramente i dipendenti, i manager e i dirigenti?
  • Quali sono le implicazioni operative?
  • Quali sono i limiti di questa transizione da uno spazio chiuso a uno aperto?
Bureau fermé Voodoo

Le aspettative dei dipendenti contro quelle dei manager: la lotta per gli spazi.

La crescita del lavoro da remoto dal 2020 è stata ampiamente accettata da molti dipendenti, spingendo alcune aziende a considerare modelli di lavoro ibridi o completamente a distanza per risparmiare sui costi immobiliari. Tuttavia, le preferenze variano in base alle generazioni, alle categorie professionali e alle posizioni geografiche.

I giovani e i dirigenti sono più inclini a continuare il lavoro da remoto, mentre la maggioranza dei dipendenti preferisce ancora gli uffici tradizionali con postazioni assegnate. Questa preferenza si spiega con la necessità di interazioni sociali, di collaborazione informale e di separazione tra vita professionale e vita personale.

La sanificazione del luogo di lavoro è emersa come una richiesta forte, secondo uno studio condotto dalla cattedra Essec Workplace Management. Il 63% dei dipendenti intervistati desidera lavorare in un ufficio individuale chiuso, contro il 5% in un open space. Due terzi dei dipendenti, il 63%, desiderano ora un ufficio individuale chiuso, e il 16% è favorevole a un ufficio chiuso condiviso, un mini open space di dimensioni umane.

Parallelamente, l'isolamento gerarchico è messo in discussione, come dimostra l'esempio di HSBC, dove i dirigenti di alto livello non lavoreranno più in uffici chiusi, ma in open space. Il direttore generale, Noel Quinn, spiega che questa decisione deriva dalla volontà di favorire le interazioni informali con i colleghi e di adattarsi alle nuove preferenze dei dipendenti per la flessibilità. Questa tendenza all'assenza di uffici assegnati è in aumento, supportata dalla diffusione del telelavoro e mira a ridurre i costi fornendo meno posti rispetto ai dipendenti. Tuttavia, la questione della riservatezza rimane.

Ma attenzione, affinché questo sistema funzioni e i manager "accettino di privarsi di metri quadrati a vantaggio degli altri", è necessario che lo spazio risponda alle esigenze di tutti, sottolinea Charles Bourdeaux. In altre parole, "ci devono essere delle cabine telefoniche per isolarsi o fare una chiamata, piccole sale per discutere in tre o quattro, spazi più ampi per scambiare con una decina di persone..."

L'open space presenta sfide significative per i lavoratori, secondo l'INRS, con il 53% dei dipendenti in open space che trova il livello di rumore troppo disturbante per il proprio lavoro. La riduzione dello spazio personale, con un aumento della densità negli uffici, porta a problemi come la mancanza di privacy, il rumore eccessivo, una diminuzione della produttività e un aumento dello stress. Studi hanno addirittura dimostrato che i lavoratori in open space hanno il doppio delle probabilità di prendere un giorno di malattia rispetto a quelli in ufficio chiuso.

E per domani, tutti sulla stessa barca?

bureau oh my cream
Architecture ZenChef paris

Oltre alla svolta del mercato verso spazi sempre più flessibili: e se si desse ai dipendenti e ai manager la possibilità di avere spazi più ibridi, chiusi o aperti, anche per isolarsi, riunirsi e lavorare in ambienti adatti?

Le 3 componenti dell'ufficio del futuro: Avere la possibilità di isolarsi per concentrarsi in spazi adatti (42%) Promuovere il lavoro di squadra e la collaborazione (32%) Favorire il benessere: igiene (33%), natura (32%) e riposo (22%)

Fonte SocioVision 2021

Oltre agli uffici aperti/chiusi che influenzano la vita quotidiana dei dipendenti, dei manager e della direzione: e se la sfida principale fosse la distanza che possono avere tra di loro?

Il simbolo di un ufficio chiuso è meno significativo della distanza effettiva tra le squadre, come dimostra l'indagine di Olivier Godechot, direttore del CNRS al CRIS (Centro di Ricerca sulle Disuguaglianze Sociali).

La "segregazione" socio-economica sul lavoro sta aumentando in molti paesi. Ciò si traduce in una crescente concentrazione dei dipendenti meglio remunerati in un numero limitato di istituti, allontanandoli dai colleghi che guadagnano meno. I principali fattori che contribuiscono a questa segregazione sono la deindustrializzazione, la ristrutturazione delle aziende e la digitalizzazione. Questa tendenza potrebbe avere ripercussioni sulla coesione sociale e sollevare interrogativi sull'equità sul lavoro e sull'impatto delle riforme sulle disuguaglianze.

È quindi cruciale considerare tutte queste dinamiche di distanza nella progettazione degli spazi di lavoro per migliorare le condizioni lavorative, ridurre le disparità economiche e favorire il legame sociale.


Adrien Pouillot, Planner Strategico, Factory